Rivista in Cammino

Vai ai contenuti

Menu principale:

News

LETTERA APERTA DEL PARROCO DI LAGO
ALLA COMUNITA’ ED AI CANDIDATI
IN VISTA DELLE PROSSIME ELEZIONI COMUNALI

Carissimi fedeli di Lago,
in occasione della campagna per le elezioni comunali, appena iniziata, come vostro parroco vorrei comunicarvi alcune considerazioni. Innanzitutto vorrei esprimere il mio apprezzamento per i candidati di entrambe le liste in campo. In questo periodo in cui i politici vengono delegittimati da tutte le parti, e in cui è facile ritenerli colpevoli di tutti i mali della società, i nostri candidati hanno manifestato un grande coraggio e un’ammirevole generosità a volersi impegnare per servire la comunità. In tutti i campi il male fa più rumore del bene. E sono certamente molti di più i politici che cercano l’interesse del popolo di quelli che cercano il proprio interesse. Purtroppo quest’ultimi attirano l’attenzione dei mass media più degli altri, che lavorano nel silenzio a servizio del popolo. Perciò i nostri candidati meritano tutto il nostro apprezzamento per volersi impegnare nel servizio della comunità. Da parte nostra dobbiamo aiutarli ad occuparsi del bene comune con suggerimenti concreti e costruttivi. Mentre dobbiamo riconoscere con onestà che spesso ci limitiamo ad assillarli per risolvere i nostri problemi particolari, disinteressandoci del bene comune.
Colgo poi l’occasione per esortare tutti i candidati dei due schieramenti, a partire dai capolista, a mantenere un atteggiamento di moderazione e di pacatezza, come stanno già facendo. Come essi sanno bene, la dialettica deve occuparsi dei programmi e delle proposte e non delle persone, che vanno sempre rispettate. Nel caso qualcuno dei contendenti scadesse negli attacchi personali, invito l’avversario a non scendere allo stesso livello. Penso che l’atteggiamento più giusto per un candidato che si propone di servire la comunità sia quello di unire coinvolgimento e distacco: coinvolgimento per i programmi che si intendono portare avanti, distacco per la consapevolezza che il servizio offerto non trovi il necessario consenso.
Auspico pertanto che la campagna elettorale si svolga in un clima di serenità e che dopo le elezioni gli avversari collaborino per servire con ruoli diversi la nostra comunità.
Pace e bene
                                                                                                                 Don Alfonso

 
Torna ai contenuti | Torna al menu